Approvato dal governo ceco lo scostamento di bilancio

Il governo approva la modifica della legge sul bilancio dello Stato per il 2022, aumentando il deficit di 50 miliardi di CZK

Il 27 luglio, il  governo ceco, guidato dal Primo Ministro Petr Fiala, ha discusso e approvato lo scostamento di bilancio, il quale andrà a d aumentare il deficit di 50 miliardi di corone. Quest’anno il bilancio dello stato sarà in perdita di 330 miliardi di corone.

“La revisione del progetto di bilancio statale, con l’obiettivo di ridurre le spese superflue, era stata preparata dal precedente governo di Andrej Babiš, e gestita dal nostro governo già pochi mesi dopo la sua nomina. In quell’occasione, avevamo ridotto il deficit preparato dal governo di Andrej Babiš di 100 miliardi di CZK.. Non avevamo idea di quanto sarebbero stati utili questi risparmi nei prossimi mesi. Non potevamo sapere che poche settimane dopo sarebbe scoppiata una guerra a 300 chilometri dai nostri confini, che militarmente è diretta contro l’Ucraina, ma nel campo dell’energia, economicamente e non solo, va contro l’intero mondo occidentale. Naturalmente, questa guerra ha un impatto diretto e indiretto sulla Repubblica Ceca, e ha anche un impatto sul bilancio statale, e questi sono fattor che il bilancio che abbiamo originariamente approvato non poteva prendere in considerazione”, ha ricordato il Primo Ministro. Il documento prevede un rialzo delle uscite statali di 115 miliardi di corone e di altri 51 miliardi, che il governo prevede di stanziare per finanziare la tariffa per il risparmio energetico l’anno prossimo.  Il governo ha utilizzato l’aumento della spesa principalmente per aiutare le aziende e i cittadini.  Ad aumentare è soprattutto la spesa sociale, con uscite extra come il bonus da 5000 corone per le famiglie, la valorizzazione delle pensioni, tariffe di risparmio, assegni per figli o le misure contro il caro energia, che includono la tariffa sociale e la copertura straordinaria degli incentivi per le rinnovabili. In aumento anche alcuni capitoli di spesa nell’istruzione e nella sanità per effetto dell’arrivo di un gran numero di profughi di guerra ucraini.

Una parte della spesa in aumento sarà coperta  dalle entrate accresciute a causa dell’alta inflazione. Complessivamente lo stato attende un aumento del gettito di 65 miliardi di corone. Il governo tuttavia non ha previsto alcun aumento di imposte. Riguardo ciò, discutono da settimane i partiti della coalizione: parte del blocco governativo sarebbe intento ad introdurre un prelievo extra sugli utili delle società energetiche o rivedere l’imposta sul reddito delle persone fisiche e giuridiche; tali proposte tuttavia non hanno incontrato il consenso tra i partiti della maggioranza.
Il nuovo bilancio statale dovrà essere ancora votato dalla Camera dei Deputati, dove tuttavia non si attendono intoppi dal momento che il governo può contare su una larga maggioranza.

Fonti: https://www.vlada.cz/https://www.camic.cz/
Fonte immagine: https://www.vlada.cz/
Fonte grafica: https://storyset.com/