La Cechia detiene ancora il suo record

La Repubblica Ceca si rivela essere ancora il paese con il tasso di disoccupazione più basso in UE

Stando all’ufficio statistico europeo Eurostat, il tasso di disoccupazione nell’Unione Europea, secondo i dati destagionalizzati, era del 6,2 % nel mese di aprile, rimanendo allo stesso livello di marzo. La Repubblica Ceca detiene ancora il tasso di disoccupazione più basso, sebbene abbia avuto un aumento di un decimo di punto percentuale al 2,4%. Nell’ UE, nessun altro paese possiede un tasso di disoccupazione inferiore al 3 %; anche nell’area dell’euro il tasso di disoccupazione è rimasto invariato al 6,8 %. Il tasso di disoccupazione più alto registrato rimane in Spagna, dove è sceso al 13,3 per cento rispetto a marzo, seguita dalla Grecia, dove è salito al 12,7 per cento.

I calcoli di Eurostat si basano sulla definizione standard di disoccupazione dell’ OIL, l’Organizzazione Internazionale del Lavoro; tra i disoccupati, essa calcola tutti coloro che hanno cercato attivamente lavoro nelle ultime quattro settimane e che quindi possono iniziare a lavorare nelle prossime due settimane. Nel caso della Repubblica Ceca, Eurostat utilizza i dati dell’Ufficio Statistico Ceco (ČSÚ), i quali differiscono rispetto ai dati dell’Ufficio del Lavoro della Repubblica Ceca (ÚP ČR). Secondo quest’ultimo, il tasso di disoccupazione in Repubblica Ceca è sceso di un decimo di punto percentuale al 3,3 % di aprile. Il ČSÚ basa il suo tasso di disoccupazione su un’indagine campionaria sulla forza lavoro, mentre l’Ufficio del Lavoro si basa sul numero di persone in cerca di lavoro registrate.

Lo scorso aprile la situazione del mercato del lavoro è stata molto più favorevole rispetto a un anno fa: nell’aprile 2021, il tasso di disoccupazione era del 7,5% nell’UE e dell’8,2% nei Paesi dell’euro. Durante quel periodo, l’economia in crisi e stava lottando con l’impatto delle chiusure legate alla pandemia di Covid-19. Secondo le stime di Eurostat, nell’aprile 2021, 13,26 milioni di persone erano disoccupate in tutta l’UE, di cui 11,18 milioni nell’area dell’euro. Rispetto all’aprile dello scorso anno, il numero di disoccupati nell’UE è diminuito di 2,54 milioni e di 2,18 milioni nell’area dell’euro. Quanto alla disoccupazione giovanile sotto i 25 anni, anch’essa ha continuato a diminuire, sia rispetto a marzo di quest’anno che su base annua; nel mese di aprile sono stati, nel suo complesso, 2,60 milioni nell’UE e 2,12 milioni nell’area dell’euro. Il tasso di disoccupazione giovanile nell’UE e nell’area dell’euro si è quindi attestato al 13,9%.

 

Fonte: https://www.novinky.cz/
Fonte immagine: https://pixabay.com/
Fonte grafica: https://storyset.com/