Nuovi Cambiamenti in ambito fiscale per il 2022

tax

Dal primo Gennaio 2022, il Ministero delle finanze ha approvato dei cambiamenti in ambito fiscale per i vari contribuenti, in seguito le novità previste:

iva

  • Aumento della detrazione fiscale per contribuente.

Dal primo Gennaio aumenterà la detrazione d’imposta spettante a ogni contribuente, infatti attualmente ogni contribuente ha diritto a una detrazione di 27.840 CZK annue che nel 2022 arriveranno a 30.840 CZK annue.

 

  • Abolizione dell’ importo massimale del bonus fiscale mensile.

Secondo la legislazione ceca ogni persona fisica residente nel Paese ha diritto a un credito d’imposta per ogni figlio a carico. Attualmente la legislazione prevede credito d’imposta pari a CZK 15,204 per il primo figlio, CZK 22,320 per il secondo, e CZK 27,840 per il terzo e per i successivi figli a carico. Nel caso in cui il totale delle tasse da pagare sia superiore al credito d’imposta per i figli a carico, il contribuente riceverà una tax bonus speciale corrispondente alla differenza fra gli assegni familiari e il debito di imposta. La novità per il 2022 è rappresentata dall’abolizione del massimale di questo bonus fiscale speciale , che precedentemente era fissato per CZK 60,300 per anno.

  • Nuova tassa forfettaria per i commercianti individuali (OSVČ) dal nuovo anno.

 

Ogni anno viene adeguata l’imposta forfettaria che i commercianti individuali devono pagare, questo adeguamento viene attuato per aggiustare gli anticipi per le assicurazioni sanitarie e sociali in base al salario medio. Nel 2022 l’importo del pagamento anticipato mensile per l’imposta forfettaria è fissato a 5.994 CZK. Questo importo comprende il minimo pagamento anticipato dell’assicurazione sanitaria per un importo di 2.627 CZK, il minimo pagamento anticipato di assicurazione sociale aumentato del 15% per un importo di 3.267 CZK e il pagamento anticipato dell’imposta sul reddito per un importo di 100 CZK.

  • Estensione della gamma dei redditi esenti dall’imposta sul reddito.

La legislazione ceca prevede vari redditi esenti dall’imposta, in seguito evidenziamo i cambiamenti per il 2022:

  • Rimane l’esenzione per i contribuenti per i reddito ricevuto dalle obbligazioni emesse all’estero;
  • Vi è un esenzione d’imposta sui contributi erogati dallo stato alle persone danneggiate in violazione della legge;
  • Vi è un esenzione d’imposta sui contributi erogati alle persone ferite dall’evento straordinario nel sito del deposito di munizioni di Vlachovice-Vrbětice.

 

  • Nuovo sconto d’imposta per i pignoramenti non terminati.

 

L’emendamento al Codice sulle esecuzioni stabilisce che, se le condizioni di legge sono soddisfatte, l’esecutore fermerà l’esecuzione se il credito non supera 1.500 CZK e il suo recupero è in corso da almeno tre anni prima dell’entrata in vigore dell’emendamento. Se il credito non è stato recuperato nemmeno parzialmente dopo tre anni, viene consentita una detrazione d’imposta a favore del creditore per l’esecuzione interrotta. L’importo del rimborso fiscale corrisponderà all’importo dell’indennizzo concesso al creditore dall’ufficiale giudiziario al momento della cessazione dell’esecuzione.

 

 

  • Relazioni fiscali internazionali.

 

Dal 2022 verrà introdotto un nuovo trattato fiscale con il Bangladesh, il quale prevede la tassazione e l’eliminazione della doppia imposizione internazionale di tutti i possibili tipi di reddito

 

  • Modifica delle norme sulla valutazione dei beni.

La modifica delle norme sulle stime di valutazione consiste principalmente nell’agganciare le stime al valore medio di mercato dei beni immobili su base annuale, e non più solo allo stato del bene stesso. In questo modo l’obiettivo è quello di avvicinare la stima al prezzo stabilito e negoziato dei beni immobili al suo valore reale. Il nuovo regolamento darà ai cittadini una maggiore certezza nella correttezza dei prezzi stimati e, in alcuni casi, permetterà un risparmio sulle perizie.

 

  • Modifiche alla regolamentazione delle tariffe dell’acqua e delle fognature.

Il Ministero delle Finanze ha pubblicato un nuovo decreto sulla regolamentazione dei prezzi nel settore dell’approvvigionamento idrico e delle fognature per il periodo 2022-2026 con efficacia dal 1° gennaio 2022. Dopo la riduzione dell’IVA sulle tariffe dell’acqua e delle fognature dal 15% al 10% nell’anno scorso, l’autorità continua il suo approccio attivo alla regolamentazione dei prezzi nel settore idrico. In questa valutazione, vengono stabilite nuove regole per garantire che il consumatore paghi solo il necessario. Il principale cambiamento nella valutazione è l’introduzione della cosiddetta perequazione in modo da evitare discriminazioni per il consumatore. Infatti nel caso in cui vi sarà un consumo annuo minore a quello pattuito con l’ente regolatore, la società idrica restituirà questi fondi ai consumatori in forma di un prezzo più basso negli anni successivi.