Previsto un aumento dei tassi di interesse per contrastare l’inflazione

La banca centrale ceca potrebbe accelerare i suoi aumenti dei tassi di interesse questo mese per domare l’inflazione inaspettatamente veloce alimentata dal tasso di disoccupazione più basso dell’Unione europea, ha affermato il vice governatore Marek Mora. I rendimenti sui titoli di stato sono aumentati. Mentre i fattori globali stanno facendo salire i prezzi al consumo, Mora ha affermato che la principale sfida inflazionistica per i cechi è stata la pressione interna “molto robusta” legata a una carenza di lavoratori che è continuata nonostante le interruzioni del lavoro dovute alla pandemia.  Mentre la vicina area dell’euro e la Polonia si attengono all’acquisto di obbligazioni e ai tassi ai minimi storici per stimolare le loro economie, la Repubblica Ceca e l’Ungheria hanno aumentato i costi di finanziamento per frenare la rapida crescita dei prezzi. L’inflazione ceca è balzata ai livelli più alti dal 2008 il mese scorso e ha superato l’obiettivo del 2% della banca centrale per quasi tre anni.

Il rapporto con la disoccupazione

A differenza delle banche centrali che stanno enfatizzando la natura transitoria dell’inflazione, Mora ha affermato che il rigido mercato del lavoro ceco richiede azioni, piuttosto che solo parole. La nazione di 10,7 milioni di abitanti registra ancora più posti di lavoro disponibili rispetto ai disoccupati, anche dopo mesi di stretto blocco pandemico all’inizio di quest’anno. Oltre alla mancanza di lavoratori che sta guidando una rapida crescita dei salari, i potenziali rischi inflazionistici includono anche elevati risparmi delle famiglie e spesa pubblica, secondo Mora. Per lui, gli attuali rialzi significano che la banca centrale sta solo “riducendo gradualmente le condizioni monetarie ancora molto rilassate” piuttosto che inasprirle. I prezzi del mercato monetario ora mostrano scommesse per misure di inasprimento di mezzo punto sia alla riunione politica del 30 settembre che del 4 novembre, dopodiché gli investitori si aspettano che il ritmo rallenti. Il rendimento delle obbligazioni quinquennali del governo è aumentato di 3 punti base al 2,01%, scambiando al premio più elevato rispetto ai bund tedeschi da oltre due decenni.

Lavoro in Repubblica Ceca

Gli scenari

Mora ha rifiutato di commentare le prospettive politiche oltre settembre, indicando persistenti incertezze. Ha affermato che un eventuale calo dei prezzi globali dei materiali e una lenta vaccinazione in alcune parti del mondo, tra gli altri fattori, potrebbero provocare “pressioni disinflazionistiche temporanee o addirittura deflazionistiche” a casa in 12-18 mesi. In ogni caso: “Probabilmente non faremo un grosso errore se ci muoviamo leggermente più velocemente di quanto abbiamo fatto finora”, ha detto Mora. “È possibile che l’entità complessiva dell’inasprimento sia la stessa, ma dovremo anticipare di più”.

Fonte: CNB