Finanziamenti a fondo perduto: aziende e internazionalizzazione

finanziamenti a fondo perduto

SIMEST, azienda italiana che si occupa di sostenere le imprese, riaprirà il 3 Giugno 2021 il portale per presentare domanda per i nuovi finanziamenti. Tali contributi sono rivolti alle imprese che vogliano espandere o consolidare la propria attività all’estero. Con l’obiettivo di sostenere l’internazionalizzazione SIMEST eroga tali contributi parzialmente a fondo perduto. Vediamo di seguito nel dettaglio a chi sono rivolti e quali sono i vantaggi.

Finanziamenti a fondo perduto: vantaggi

Finanziamenti a fondo perduto: SIMEST rivolge la sua attenzione principalmente ad alcune specifiche attività che godranno tutte di una serie di benefici e vantaggi, come:

  • un tasso di interesse agevolato, al momento (maggio 2021) pari allo 0,055%
  • possibilità di copertura fino al 100% delle spese
  • possibilità di ottenere una prima erogazione anticipata del 50%
  • nessuna garanzia necessaria per chi presenti domanda entro il 30/06/2021
  • cofinanziamento a fondo perduto fino al 25% dell’importo erogato (precedentemente tale soglia era fissata al 10%)
  • apertura di un conto corrente dedicato

finanziamenti a fondo perduto

 

Finanziamenti a fondo perduto: chi può richiederli

I finanziamenti di SIMEST sono rivolti principalmente alle seguenti attività con un limite massimo di importo ed alcune condizioni differenti per ogni settore di attività.

Studi di prefattibilità/fattibilità economico-finanziaria o di mercato

Per un importo comunque non superiore a:

  • € 200.000 per studi collegati ad investimenti commerciali;
  • € 350.000 per studi collegati ad investimenti produttivi.

Da restituire in 4 anni (di cui uno di preammortamento) e con il limite del 12,5% del fatturato medio dell’ultimo biennio.

Programmi di assistenza tecnica

Per il sostegno di spese relative alla formazione o addestramento del personale estero in loco, per un importo non superiore a € 300.000. Da restituire in 4 anni (di cui uno di preammortamento) e con il limite del 12,5% del fatturato medio dell’ultimo biennio.

Sviluppo commerciale

Tra le spese di tali tipo di attività vi sono le prestazioni TEM (spese strettamente connesse alla realizzazione del progetto elaborato con l’assistenza del TEM) Possono essere considerati TEM anche i Temporary Digital Marketing Manager, i Temporary Innovation Manager, ecc., purché i servizi siano legati a processi di internazionalizzazione. I servizi di TEM possono essere erogati sia da società italiane che da società estere purché abbiano i requisiti richiesti dalla normativa.

L’importo in questo caso deve essere minimo di 25.000 e massimo 150.000 €. Da restituire in 4 anni (di cui 2 di preammortamento) e con il limite del 15% del fatturato medio dell’ultimo biennio.

Apertura di un E-Commerce o posizionamento su un MarketPlace

L’importo finanziabile deve essere minimo € 25.000 e massimo € 300.000 per utilizzo dei Market Place e massimo € 450.000 per una piattaforma propria. Da restituire in 4 anni (di cui uno di preammortamento) e con il limite del 12,5% del fatturato medio dell’ultimo biennio.

finanziamenti a fondo perduto

Apertura di uno showroom, un punto vendita, un centro di assistenza post vendita o una rappresentanza stabile

In tal caso da restituire in 6 anni e nel limite del 25% del fatturato medio dell’ultimo biennio. L’importo finanziabile deve essere minimo € 50.000 e massimo € 4.000.000. Da restituire in 6 anni (di cui 2 di preammortamento) e con il limite del 25% del fatturato medio dell’ultimo biennio.

Partecipazione a Fiere o eventi promozionali

Per un importo comunque non superiore a euro 150.000 per PMI. Da restituire in 4 anni (di cui uno di preammortamento) e con il limite del 15% del fatturato medio dell’ultimo biennio.

L’impresa può presentare più domande di finanziamento, ogni singola domanda deve riguardare una singola iniziativa in un unico Paese. La domanda deve essere presentata prima della data prevista per l’inizio della fiera/mostra.

finanziamenti a fondo perduto

Rigenerazione della solidità patrimoniale delle PMI e MidCaP esportatrici

A condizione che abbiano realizzato all’estero almeno nell’ultimo anno il 35% del loro fatturato. Il finanziamento massimo concedibile è euro 800.000 nel limite del “de minimis” e nel limite del 40% del patrimonio netto dell’impresa richiedente. Da restituire in 6 anni (di cui 2 di preammortamento) che sarà erogato in un’unica soluzione.

Se interessati inviare una mail a info@savinopartners.com

Apertura o ampliamento di una unità produttiva in Paesi extra UE

In tal caso attraverso l’intervento di Simest (in conto proprio e a valere sul Fondo di Venture Capital) nel capitale sociale dell’impresa estera fino ad un massimo del 49%. In tale operazione l’impresa italiana proponente può ottenere anche un contributo in conto interessi sul finanziamento bancario eventualmente richiesto per sottoscrivere la sua quota nel capitale sociale dell’impresa estera. L’agevolazione copre il 90% della quota di partecipazione italiana al capitale dell’impresa estera fino al 51% del capitale di quest’ultima. La partecipazione di Simest e del Fondo di Venture Capital dovranno essere riacquistate dall’impresa italiana entro 8 anni.

Per maggiori informazioni leggi la guida di SIMEST

Finanziamenti SIMEST

L’ottenimento di questi finanziamenti a fondo perduto per imprese non si limita però alle attività elencate sopra. Perciò è conveniente richiedere maggiori informazioni in merito ai requisiti di partecipazione.

finanziamenti a fondo perduto

Savino&Partners a.s.