Apertura dei ristoranti in Repubblica Ceca 17 Maggio

Apertura dei ristoranti

Dopo l’allentamento delle restrizioni di lunedì 10 Maggio, il Governo ceco ha annunciato una serie di nuove riaperture che avverrà lunedì 17 Maggio. Naturalmente anche questi allentamenti saranno soggetti ad una serie di regole da rispettare per evitare la diffusione del covid.

Apertura dei ristoranti: 17 Maggio

Apertura dei ristoranti

Il Governo ha deciso di procedere ulteriormente con l’avanzare delle riaperture, consentendo di poter usufruire di alcuni servizi all’aperto. Le novità previste ed approvate per il prossimo lunedì sono:

  • apertura dei ristoranti disposti di tavoli all’aperto;
  • consentito il consumo di cibi e bevande nei mercati;
  •  consentiti eventi culturali all’aperto con un massimo di 700 spettatori;

È stato inoltre previsto un allentamento nelle misure riguardanti l’istruzione: infatti da lunedì in molte regioni sarà la fine dell’insegnamento a rotazione per le scuole primarie.
Infine, il Governo ha stanziato 330.000 Kc a sostegno delle piccole imprese e degli OSVC. Oltre ai 2.8 miliardi di corone già spesi in favore di tali soggetti all’interno del programma  Ošetřovné II.

Apertura dei ristoranti: regole

Apertura dei ristoranti

Il Ministero del Commercio ha anche previsto una serie di regole da rispettare per poter effettivamente riaprire.

  • Nei ristoranti la capacità dei tavoli sarà limitata per consentire il rispetto del distanziamento sociale;
  • i clienti o spettatori dovranno essere, vaccinati o aver effettuato un tampone oppure ancora essere guariti dal covid negli ultimi 90 giorni;
  • per quanto riguarda gli eventi culturali all’aperto gli spettatori seduti dovranno essere massimo 700 ed indossare i respiratori per l’intera durata dello spettacolo.

Future aperture

Il Governo ha inoltre annunciato che, se i contagi da covid non peggioreranno, sono previste ulteriori riaperture. In tal caso si prevede:

  • possibilità di tenere eventi culturali all’aperto con un massimo di 24.000 spettatori;
  • possibilità di tenere eventi culturali al chiuso con massimo 500 spettatori;
  • aumento della capacità consentita di giardini zoologici e botanici;

 

 

Fonte: MPO