L’inflazione colpisce la Repubblica Ceca e non solo

Il tasso d’inflazione in Repubblica Ceca, espresso come aumento dell’indice medio dei prezzi al consumo negli ultimi 12 mesi, rispetto alla media dei 12 mesi precedenti, è stato del 3,3% a settembre. Nello specifico è stato registrato un aumento del 3,5% dei prezzi dei beni e del 2,7% dei prezzi dei servizi.                                                                                                                                                                L’annuale variazione dell’indice armonizzato medio dei prezzi al consumo dei 27 Stati membri dell’UE è stata dello 0,4% in agosto, ovvero 0,4 punti percentuali in meno rispetto a luglio. I prezzi sono aumentati di più in Ungheria (del 4,0%) Polonia (del 3,7%). Per contro, il calo dei prezzi si è verificato in 13 paesi dell’UE, la maggior parte dei quali a Cipro (del 2,9%) Grecia (del 2,3%). In Germania, ad agosto i prezzi sono diminuiti dello 0,1% su base annua (una variazione annua dello 0,0% a luglio).

The inflation rate in the Czech Republic, expressed as an increase in the average consumer price index in the last 12 months, compared to the average of the previous 12 months, was 3.3% in September. Specifically, there was an increase of 3.5% in the prices of goods and 2.7% in the prices of services.                                                                                                                                                                The annual change in the harmonised average consumer price index of the 27 EU Member States was 0.4% in August, 0.4 percentage points lower than in July. Prices increased more in Hungary (by 4.0%) Poland (by 3.7%). Instead, the fall in prices occurred in 13 EU countries, most of which in Cyprus (by 2.9%) Greece (by 2.3%). In Germany, in August prices fell by 0.1% on an annual basis (an annual change of 0.0% in July).

source:https://www.czso.cz/csu/czso/cri/indexy-spotrebitelskych-cen-inflace-zari-2020