Nessuna svolta per gli incentivi all’acquisto di automobili elettriche in Repubblica Ceca

La Repubblica Ceca al momento non ha considerato l’ipotesi di concedere incentivi a favore delle persone fisiche per l’acquisto dei veicoli stradali a propulsione elettrica, mentre continueranno invece a essere indetti programmi di questo tipo per aziende ed enti pubblici. Lo ha dichiarato ieri il premier Andrej Babiš dopo essersi incontrato con i principali rappresentanti del settore automobilistico nel Paese. Su questo argomento è utile menzionare anche le parole rivolte al governo da Bernhard Maier, amministratore delegato di Škoda Auto (nell’immagine la Škoda Vision E, prototipo della Casa di Plzeň che prefigura il futuro del marchio nella mobilità sostenibile), che – dalle colonne dell’Hospodářské Noviny – ha dichiarato: “Assicuriamo alla Repubblica Ceca un quarto del suo export. Allora [è opportuno, N.d.R.] che ci sia una mano, sostenendo il passaggio alla mobilità elettrica”. Va sottolineato inoltre che la Repubblica Ceca è uno dei paesi dell’Unione Europea dove le vendite di auto elettriche si sono finora dimostrate più deboli. Per quanto riguarda la vendita di modelli puramente elettrici, solo Polonia e Grecia hanno negli ultimi anni conseguito un risultato inferiore.

Fonte: ČTK