La Repubblica Ceca come Paese europeo di maggiore appeal per lavoratori stranieri

La Repubblica Ceca, fra i Paesi di recente ingresso nell’Unione Europea, è quello che attira il maggior numero di lavoratori stranieri. A metterlo in evidenza è uno studio, il Prosperity Report, pubblicato dal britannico Legatum Institut, con il sostegno di Erste Group. Secondo l’analisi nel periodo 2000-2015, più di 400 mila persone sono giunte in Repubblica Ceca per motivi di lavoro, il 3,5% in più di quelle che invece hanno seguito il percorso inverso, lasciando il Paese per lavorare all’estero. Come altri Paesi di recente ammissione nell’Unione Europea, la Repubblica Ceca risente però del fenomeno della cosiddetta “fuga dei cervelli“, in quanto una vasta percentuale dei lavoratori in partenza è costituita da coloro che – impegnati in lavori scientifici e altamente qualificati – cercano di sviluppare la loro carriera in Paesi con stipendi più elevati.

Fonte: CTK